BLOG EMERGENTI

In arte Frasc

Francesco Bonomini, illustratore, classe 1993. In arte Frasc. “Le vignette per me sono il modo più diretto e senza filtri che ho per esprimermi, è il mezzo di una necessità espressiva impellente. Per me è importante a livello artistico essere semplicemente se stessi, non vendersi”.

• I tuoi lavori sono frutto di un lungo e attento lavoro, anche interiore, che prevede l’utilizzo di svariate tecniche tra cui quella dell’uso del digitale. Questo mezzo richiede sicuramente una mano esperta ed attenta al lavoro. Che percorso hai dovuto affrontare al fine di riuscire ad esprimerti al meglio attraverso questa tecnica?

Il disegno ha sempre fatto parte della mia vita, fin da quando ero bambino. Le prime esperienze a livello tecnico, sono sicuramente iniziate quando ho iniziato a frequentare il Liceo Artistico Olivieri di Brescia, proprio lì ho iniziato a sperimentare. La tecnica che fin da subito ho prediletto è stata quella della linea nera con i pennarelli. Successivamente ho frequentato la Scuola Internazionale di Comics sempre nella mia città, Brescia, dove ho iniziato ad utilizzare la tavoletta grafica che è diventata ufficialmente il mio medium preferito.

• Sui tuoi profili social vediamo che sei molto affine al mondo dell’illustrazione; soprattutto nella creazione di “vignette”. Questa, forse, può essere anche una diretta conseguenza, della Scuola Internazionale di Comics che hai frequentato. Ti definisci un illustratore? Hai artisti di riferimento a cui ti ispiri per i tuoi lavori?

Sì, mi definisco un illustratore, diretta conseguenza anche del mio percorso di studi che mi ha formato per esserlo! Diciamo che non ho un particolare artista di riferimento in quanto penso sia essenziale, per ogni illustratore e artista, sviluppare al massimo il proprio stile ma apprezzo moltissimo il collega svedese Max Grecke. Seguo spesso alcuni sui live su Twitch in cui lavora in digitale. Per quanto riguarda la creazione di vignette penso che siano per me il modo più diretto e senza filtri che ho per esprimermi. Sono il mezzo di una necessità espressiva impellente. La vignetta è facilmente comprensibile anche ai meno avvezzi al mondo dell’arte e dell’illustrazione. Ho intenzione di proseguire la creazione di queste al fine di trasformarle in raccolta.

1C8E0AFA-5E90-41BF-B5E5-95EFA4A7BAEE274CD42F-1300-4DE9-9CE7-7A3C667CC990F95B63EA-6F8F-4584-A432-EE772369A867

• Da qualche tempo stai cercando di realizzare un progetto ambizioso dal titolo “The Pit”. Ci racconti qualcosa riguardo a questo e alla DODO corporation?

“The Pit” è il titolo del gioco in scatola che sto progettando insieme alla DODO corporation. L’obiettivo è quello di rilanciare i giochi in scatola per poter, successivamente, sfociare nell’ambito del videogioco. “The Pit” che tradotto in italiano sarebbe “La Fossa” è un gioco in stile dark fantasy in cui ci saranno diverse entità che verranno attratte proprio dal “potere della fossa” che altro non sarà che il nemico finale del gioco stesso. Vogliamo lanciare il kickstarter senza affidarci ad alte case di produzione, possiamo parlare di lavoro indipendente. Il mio ruolo nella DODO corporation è quello di Character e Concept designer. Mi occupo di quella parte di lavoro che consiste nello studio grafico e nella caratterizzazione dei personaggi e della storia. Con me a livello illustrativo lavora anche Tiziano Invernici. Per quanto riguarda la modellazione se ne occupano Marcello Vitali e Federico Ricci i quali, hanno anche loro frequentato la Scuola Internazionale di Comics. Della DODO corporation fanno parte anche Fabio Pe che si occupa dello sviluppo, anche a livello narrativo del progetto e Alessandro Mattei alla stampa 3D. È un progetto ambizioso che puntiamo a realizzare nel miglior modo possibile.

 

• Il tuo lavoro è quasi esclusivamente votato al mondo dell’illustrazione, tu stesso ami definirti illustratore. Sappiamo però anche di un tuo passato nel mondo dei graffiti. È un progetto a cui ti dedichi tutt’ora?

Il graffiti probabilmente sono stati la causa scatenante che mi hanno portato al mondo dell’illustrazione. Ho iniziato durante gli anni delle superiori per poi affinare e perfezionare la tecnica. Ad oggi faccio parte dell’Associazione Art Core di Castegnato nata dalla passione per l’arte, la cultura e tutto ciò che riguarda le subculture underground. Svolgiamo lavori su commissione per privati e comuni. Art Core nasce con l’intenzione di creare una scena dove tutti i giovani seguendo i loro canali preferiti, possano esprimersi e trovare spazio raccontando un vissuto in grado di trasformarsi in arte. Avevamo in programma alcune iniziative che per ovvi motivi sono state spostate a Settembre a seguito dell’emergenza Covid-19.

C89A4D6C-3A29-45AD-9171-5A12B7EF9762

 

• Su TheBow ci piace chiudere l’intervista con una domanda che noi consideriamo di rito. Quale consiglio vorresti dare ad un giovane artista emergente che si approccia al mondo dell’arte?

Il consiglio che mi sento di dare ad un giovane emergente è quello di non scendere troppo a compromessi con nessuno, l’arte non è soltanto ciò che accade sul mercato. Consiglio di non smettere mai di lavorare ed imparare attraverso la pratica. Per me è importante a livello artistico essere semplicemente “se stessi”, non vendersi. Ultimamente mi capita spesso di vedere tanti lavori uguali con l’uso dello stesso tratto solo perchè di moda. Vedo molti giovani artisti con la paura di esprimere loro stessi e tutto ciò influisce negativamente sul prodotto finale generando falsità. L’arte non sempre è mainstream, bisogna produrre, in primis, quello che si ha dentro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: